Massaggio Thailandese (Traditional Thai Massage)


 

bottone_iscrivitisubito2

Il massaggio Thailandese (Traditional Thai Massage) ha antiche origini indiane anche se sarà poi la sua terra di adozione, la Thailandia, ad accogliere, amare e sviluppare il  nuad bo rarn (Antico Massaggio Thailandese).

Il massaggio Thailandese è ricco di storia e leggenda, tanto che i primi cenni si fanno risalire ad un amico medico del grande Buddha, Jivaka Kumar Bhacca, che nel 2500 a.c. ha dato ispirazione alla tecnica base del massaggio ed è diventato anche punto di riferimento per la conoscenza dei poteri curativi delle piante e dei minerali.

Nel corso dei secoli il Massaggio ha subito influenze e contaminazioni teoriche e pratiche, giungendo ai tempi nostri come disciplina tecnica e teorica importante e multivariegata.

Il massaggio Thailandese si avvale dunque di un ampio raggio di tecniche che comprendono la digitopressione, la riflessologia, lo stretching passivo, lo Yoga passivo, pressioni ritmiche e movimenti oscillatori del corpo. Si effettua a terra, su un futon o tatami, con vestiti comodi e non sintetici, utilizzando mani, pollici, gomiti, avambracci, ginocchia e piedi.

Una lenta, meditativa, ritmica danza fluida dove l’operatore usa il proprio corpo come una leva che permette a chi riceve il massaggio di effettuare movimenti di stretching, nel rispetto del livello di agilità di entrambi. I movimenti di stretching coinvolgono l’intero corpo migliorando la flessibilità, rilasciando tensioni superficiali e profonde e agevolando il naturale scorrere dell’energia attraverso le linee energetiche (i 10 sen). Gli effetti di questi movimenti di stretching, nei quali il paziente ha un ruolo passivo, sono simili allo yoga. Per questo il massaggio thailandese viene anche chiamato yoga passivo.

I benefici immediati del massaggio sono rilassamento,  tonificazione e  una circolazione più fluida del sangue e della linfa. Le pressioni entrano in profondità senza scivolare sulla pelle e producono uno stimolo a cui l’organismo della persona trattata “risponde”, recuperando e manifestando dal profondo le proprie risorse vitali.

Al termine del corso, previa regolare frequenza delle lezioni e dopo superamento dell’esame finale, l’allievo conseguirà un attestato di specializzazione BCM che certifica il raggiungimento della capacità teorico-pratica in MASSAGGIO THAILANDESE.

L’attestato conseguito è utilizzabile in vari contesti lavorativi: istituti di bellezza, centri benessere, palestre, profumerie con cabina estetica, centri fitness, beauty-farm, aziende termali, villaggi turistici, navi da crociera, associazioni sportive.

 

 

PROGRAMMA DIDATTICO

PRATICA TEORIA
Lo studio delle sequenza prona e supina, le linee energetiche e l’ampia gamma degli stretching caratteristici dello stile del nord.

Lo studio delle manualità: l’uso del palmo, del pollice, del gomito, delle ginocchia e dei piedi.

L’utilizzo del peso del corpo rilassato e bilanciato.

L’applicazione per i principali disturbi: cefalea, lombalgia, dolori addominali, ansia, stress.

Le origini storiche del massaggio Thai

La fondazione teoretica: il corpo fisico e il corpo energetico

La teoria dei 10 Sen

Il significato del massaggio Thai: il rituale

Le regole di un buon massaggio Thai

I fondamenti, tecniche e stili prona e supina su futon

Modalità di azione del massaggio thailandese

I benefici

Indicazioni e controindicazioni

 

PREZZO DEL CORSO DURATA E ORARI

€ 480,00 (pagabili in due versamenti di € 240,00 cad.))
(Il costo del corso è esente da IVA)

Per questo corso con sono previste nè tassa iscrizione nè tassa esame.

Una dispensa con tutti gli argomenti trattati durante le lezioni sarà inviata in pdf a tutti gli allievi del corso.

IN OMAGGIO: la T-shirt della scuola.

Scuola BCM – Via Revere, 15 – 20123 Milano
Tel. 02 433423 – scuola@bcm.itwww.bcm.it

DURATA
Il corso prevede una durata di tre mesi, per un totale di 36 ore.

INIZIO CORSO
Sabato 10 Novembre 2018, con esame in Febbraio 2019.

ORARIO
dalle 9.30 alle 12.30

TOP Chiama BCM